NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC

Negli ultimi anni l’antisemitismo è cresciuto a livello mondiale anche a causa della crisi economica, dal complottismo, l’incertezza, la globalizzazione come minaccia identitaria, della frustrazione sociale. Ma oggi soprattutto è amplificato dalla guerra Israele-Hamas.
Di recente l’Osservatorio sull’Antisemitismo – uno dei settori del Centro di documentazione ebraica contemporanea – ha stilato il suo ultimo e più aggiornato rapporto. Molto allarmante. Eccone una sintesi.

Rispetto al passato, la forza politica dell’antisemitismo oggi si manifesta in molti modi: dalle marce antisraeliane (dentro le quali c’è chi chiede la morte degli ebrei), agli atti terroristici islamisti o della destra radicale contro ebrei e sinagoghe, agli stereotipi culturali o alle insinuazioni dall’antisemitismo virale che si diffondono sui social media, rafforzando la giudeofobia e gli atteggiamenti antiebraici. Questo tipo di antisemitismo attuale è la conseguenza di più fattori concomitanti:

  • Lo sviluppo da decenni del pensiero complottista come chiave di lettura del mondo.
    Le teorie del complotto sono condivise da chi è ostile alle istituzioni e al sistema, da chi pensa che i giornalisti, i politici e gli scienziati siano corrotti; sono diffuse soprattutto nelle aree dell’estremismo di destra ma anche di sinistra, veicolano discorsi di rivincita contro il sistema che vogliono demolire. Nella retorica complottista gli ebrei vengono rappresentati come lobby (vedi anche le vergognose frasi di Ceccherini in occasione degli Oscar), come uno dei poteri forti capaci di influenzare occultamente la politica e la società mondiale. Il complottismo aumenta con la disintermediazione e con il disordine informativo.
  • La rappresentazione di Israele e del sionismo come espressioni del capitalismo che da decenni viene diffusa dai movimenti “antagonisti”. L’antisemitismo veste i panni della solidarietà filopalestinese e in generale della rappresentazione di Israele come avamposto dell’Occidente, persecutore dei poveri del mondo, ma utilizza argomenti antiebraici.
  • La crescita della matrice islamica in cui le motivazioni religiose si saldano con quelle politiche di contrasto a Israele, che assimilano gli ebrei ai sostenitori della politica israeliana. In Italia questa matrice sta diventando più rilevante, come si può riscontrare nel linguaggio e negli atteggiamenti di gruppi di seconda generazione di origine araba e nordafricana nelle manifestazioni pro-Palestina degli ultimi mesi.
  • L’attacco del 7 ottobre e la conseguente guerra a Gaza ha prodotto una poderosa reazione antiisraeliana. Specie da parte di alcune correnti filopalestinesi, di estrema sinistra, di movimenti antagonisti, reazioni che spesso hanno assunto i caratteri di una più generale ostilità antiebraica. Dopo il 7 ottobre sono aumentate le manifestazioni di ostilità in molte parti del mondo. La risposta militare di Israele ha avuto una risonanza e visibilità mediatica estremamente forte, emotivamente drammatica, che ha prodotto reazioni quasi compatte. Le piazze europee si sono riempite di manifestanti solidali con la causa palestinese, ostili ad Israele. Rapidamente sono aumentati gli episodi – anche gravi – di antisemitismo
  • L’Italia è un Paese con una percentuale intorno al 10% di antisemitismo esplicita ma con una ampia area di pregiudizi antiebraici che si possono tradurre in ostilità, e le parole d’odio si traducono in azioni spregevoli contro gli ebrei: le pietre di inciampo vandalizzate a Roma, le case segnata con la stella di Davide, gli insulti e minacce telefoniche, le molotov contro una sinagoga di Berlino. Per offendere vengono utilizzati svastiche, inneggiamenti a Hitler. Con la guerra in Israele, le reazioni espresse evidenziano la parzialità e superficialità delle informazioni e dei giudizi su un conflitto di lunga durata come quello israelo-palestinese.
  • Più di un terzo degli italiani (36%) dichiara di sapere poco o nulla di quanto è successo a partire dall’attacco di Hamas del 7 ottobre; il 40% si ritiene abbastanza informato e solo un quarto circa (24%) pensa di conoscere la vicenda in maniera approfondita. (Ipsos)
  • Il pregiudizio antisemita contemporaneo si esprime soprattutto in tre forme. La prima comprende i pregiudizi e stereotipi tradizionali che attribuiscono caratteristiche sfavorevoli agli ebrei e sono adatti ad esprimere odio. La seconda manifestazione si esprime con la negazione o la relativizzazione della Shoah. Infine, la terza forma si manifesta nell’espressione di opinioni antisraeliane che vanno oltre i limiti della critica politica in cui Israele è condannato.
  • Gli atteggiamenti «partigiani», come detto, sono minoritari. Ma se il 6% ritiene che l’Italia dovrebbe appoggiare Israele senza tentennamenti, il 15% pensa invece che si dovrebbero appoggiare i palestinesi pur condannando Hamas e un’esigua minoranza (il 2%) appoggerebbe in toto i palestinesi, senza condannare Hamas per alcuni atti mai attribuiti ad altri Stati e dove la condanna si riversa dallo stato ebraico a tutti gli ebrei.
  • La maggior parte dei casi rubricati all’Osservatorio antisemitismo rientrano generalmente nella tipologia diffamazione e insulti, ovvero narrative/pregiudizi/stereotipi antisemiti applicati alla realtà virtuale (es. post offensivo sul web sociale) o al mondo reale (esempio: discorsi antisemiti al bar o al supermercato). Questa tendenza è consolidata, ma dopo il 7 ottobre si è verificata una netta rottura con il passato, con circa metà degli atti contro gli ebrei che si consumano offline: minacce di morte scritte sui muri interni di locali frequentati da ebrei, mezuzah strappata dalla porta, lettere minatorie inviate a comunità ebraiche, aggressioni (verbali e fisiche) a studenti in scuole ed università, forte incremento dell’attività dei gruppi BDS11 in alcune università, molestie e pressioni ai danni di studenti ebrei e/o israeliani, vandalizzazioni di case e proprietà di ebrei.
  • Il conflitto in corso contro i terroristi di Hamas a Gaza e dinotrni non ha certo aiutato a diluire i sentimenti di odio. Ipsos in un sondaggio del 2 novembre pubblicato su Corriere della Sera ha indagato le reazioni degli italiani rispetto all’offensiva di Israele a Gaza: Il 58% degli italiani sostiene che l’offensiva di Israele a Gaza sia una catastrofe umanitaria che una democrazia non può causare.

Download “Relazione Antisemitismo 2023 del CDEC”

Relazione-antisemitismo-2023-italiano.pdf – Scaricato 6 volte – 3,36 MB
Visualizzazioni: 64

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio