NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante

di Federico Rampini*

(Federico Rampini)

Manifestano nelle nostre piazze e università sventolando bandiere palestinesi. Gridano lo slogan caro ai terroristi islamici di Hamas, che evoca l’espulsione o lo sterminio degli ebrei in Israele: «Dal fiume al mare». Ma se vengono interrogati su quale sia il fiume e quale il mare a cui allude quel grido di battaglia, tanti di quei giovani militanti rivelano una profonda ignoranza su tutto: geografia, storia, demografia del Medio Oriente.

Lo ha dimostrato un esperimento sul campo realizzato da un docente di uno degli atenei più politicizzati d’America, la University of California Berkeley, culla storica di grandi contestazioni giovanili fin dal Free Speech Movement del 1964.

È inevitabile ricordare una battuta che circolava due decenni fa negli Stati Uniti, all’epoca degli interventi militari americani in Afghanistan (2001) e in Iraq (2003), battuta che poi fu resa celebre dal documentarista Michael Moore in uno dei suoi film-denuncia: «Gli americani invadono dei paesi che la maggioranza di loro non sa neppure situare su una carta geografica». Il bersaglio di quel sarcasmo era l’America di George W. Bush e dei neoconservatori, i falchi repubblicani che volevano rifare il Medio Oriente a immagine e somiglianza dell’Occidente. Ora scopriamo che la stessa ironia si applica all’altra America, quella della sinistra radicale che domina nei campus e nei cortei.

(il professor Ron Hassner)

L’esperimento
L’esperimento è stato condotto da Ron Hassner, professore di Scienze politiche a Berkeley. Ha ingaggiato una società specializzata nelle indagini demoscopiche, per realizzare una serie di sondaggi su un campione di 250 studenti, non solo di Berkeley bensì rappresentativi di diverse realtà universitarie americane. I risultati hanno quindi una valenza nazionale e trasversale, non riflettono la situazione di un solo ateneo. Le domande partivano proprio da quello slogan apparso continuamente su striscioni e manifesti dal 7 ottobre in poi, e gridato in tanti cortei dai manifestanti filo-palestinesi: «Dal fiume al mare». Il campione di studenti selezionato era composto per il 53% da giovani che appoggiano quello slogan e per il 33% da chi lo sostiene addirittura «con entusiasmo». Quella frase fu resa popolare già negli anni Sessanta dall’Organizzazione per la liberazione palestinese (Olp) ai tempi in cui la dirigeva Yasser Arafat. Invoca la creazione di uno Stato della Palestina dal fiume Giordano al Mare Mediterraneo. Quindi la distruzione dello Stato d’Israele, la deportazione (o l’eliminazione) degli ebrei che vi abitano. Non una soluzione basata su due Stati. Oggi far proprio quello slogan significa schierarsi con la fazione più estremista dei palestinesi, sostenere obiettivi e metodi di Hamas. Un passo che molti giovani americani non esitano a compiere.

(Yasser Arafat con Khomeini)

La prima domanda del sondaggio sul campione di studenti riguardava proprio l’interpretazione letterale di quello slogan. Di quale fiume e di quale mare si tratta? Meno della metà degli intervistati ha saputo nominare il fiume Giordano e il Mediterraneo. Una maggioranza ha dato risposte variegate che includevano perfino l’Atlantico e il Mar dei Caraibi. In certi casi restavano un po’ più vicine, ma erano comunque sbagliate: Nilo, Eufrate, Mar Morto.

Tra le altre manifestazioni d’ignoranza emerse dal questionario: un decimo degli studenti crede che Arafat fosse presidente d’Israele; un quarto nega che siano mai esistiti gli accordi pace di Oslo (firmati nel 1993 e nel 1995 tra Israele e l’Olp di Arafat). Il commento finale del professor Hassner di fronte a questi dati: «Non bisogna vergognarsi di essere ignoranti, a meno che si urli in favore dello sterminio di milioni di persone».

La possibilità di cambiare idea
L’esperimento però non si è fermato a questa constatazione sull’analfabetismo geografico, storico e geopolitico dei giovani (pur iscritti a facoltà di élite, costosissime). C’è un finale che può rincuorare. L’indagine demoscopica ha avuto una seconda fase. 80 di quegli studenti sono stati messi di fronte – sorpresa! – a una vera mappa del Medio Oriente, nonché alle informazioni essenziali sulla situazione locale. Scoprendo che lo slogan «dal fiume al mare» auspica la sottomissione, deportazione o eliminazione di sette milioni di ebrei e due milioni di arabi-israeliani, il 68% degli studenti hanno modificato il proprio parere, rinunciando a sostenere quello slogan. «Quegli studenti – osserva Hassner – non avevano mai visto una carta del Medio Oriente e ignoravano le basi elementari di geografia, storia, demografia». Il docente nne trae una lezione ottimista: «Coloro che sperano di incoraggiare l’estremismo si fondano sull’ignoranza politica della loro audience. È ora che i bravi insegnanti scendano in campo, combattendo i pregiudizi con l’istruzione».

Tuttavia un altro dato contrasta col suo ottimismo. All’interno del campione di studenti intervistati, quelli che si auto-definiscono «progressisti» o della sinistra radicale, sono i meno disposti a cambiare opinione. In particolare, quando gli è stato obiettato che lo slogan «dal fiume al mare» viene percepito come aggressivo, minaccioso e razzista dai loro coetanei e compagni di studi ebrei, non hanno ritenuto di doverlo abbandonare.

In un contesto universitario che da molti anni è ipersensibile alle accuse di razzismo, questo è allarmante. Si è parlato di un ritorno di antisemitismo: fenomeno reale e grave. Questo si inserisce in un clima ideologico più generale. I giovani dell’estrema sinistra che dominano in molti campus hanno un pregiudizio anti-occidentale e anti-bianco. Israele e gli ebrei pagano un prezzo anche per il fatto di essere associati all’Occidente e a tutto il male che gli si attribuisce.

(Pubblicato sul Corriere della Sera, 8/12/2023)

Visualizzazioni: 103

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio