NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre

di Alessio Postigilione*

La guerra a Gaza, nonostante tutto, non ha incrinato il rapporto fra Paesi del Golfo e Israele. In occasione dell’attacco iraniano ad Israele del mese scorso, infatti, come hanno documentato i giornali americani, l’aviazione giordana avrebbe distrutto fino al 20 per cento dei missili e droni lanciati da Teheran. Anche Arabia Saudita ed Emirati sarebbero intervenuti militarmente, fornendo anche informazioni di intelligence essenziali.
Fra gli obiettivi del pogrom del 7 ottobre di Hamas, d’altronde, c’era interrompere il percorso di pacificazione con gli Stati del Golfo e le altre potenze islamiche regionali al centro degli Accordi di Abramo, contando proprio sui danni che la reazione israeliana avrebbe comportato, compattando le opinioni pubbliche dell’islamosfera contro Israele. Non è agevole stabilire se questa reazione ci sia stata, ma sicuramente le élites dei Paesi vicino all’Arabia Saudita continuano a ritenere la normalizzazione con Israele fondamentale. E questo nonostante i timidi tentativi di pacificazione tra Riad e Teheran recenti.


“Il trauma del 7 ottobre rimane forte in Israele, dove la maggior parte delle persone ha esperienza personale di parenti o conoscenti uccisi, rapiti o chiamati a combattere a Gaza. Per il mondo esterno, questi eventi sono stati in gran parte eclissati dalla sofferenza dei civili di Gaza. Ma, per la maggior parte degli israeliani, la guerra, anche se non è quella che hanno cercato, deve essere combattuta fino alla fine in modo che la minaccia esistenziale posta da Hamas venga finalmente rimossa”. Queste parole, così comprensive della visione d’Israele, d’altronde, non le leggete su giornali americani o israeliani, ma sono state pubblicate da al Arabiya (link qui: https://english.alarabiya.net/views/2024/02/20/Why-Israeli-will-not-let-up-in-its-war-on-Hamas), l’emittente nazionale saudita.
Fra le ragioni di quest’asse fra Paesi del Golfo e Israele sicuramente c’è l’opposizione geopolitica all’Iran, ma anche la necessità di accedere alle tecnologie di Israele per innescare i vari progetti di sviluppo in ballo, come il noto Vision 2030, voluto dal principe saudita Mohammed bin Salman. Mentre le università italiane vogliono interrompere la collaborazione con quelle israeliane, a Riad e Dubai non ci pensano proprio.


Insomma, al netto della critica al governo israeliano, e dei ragionamenti più sfumati, quando la politica polarizza tra amico e nemico, le Capitali che dovevano parteggiare per Hamas non lo fanno.
Perciò è ovvio che proprio da questi Paesi possa provenire il contributo più importante per la mediazione e per la pacificazione fra belligeranti.
Relativamente a chi ha per adesso agito come reale o possibile mediatore, un contributo può venire sicuramente dall’Egitto di Al Sisi, che si è lasciato alle spalle il regime islamista di Morsi; potrebbe provenire da Arabia Saudita ed Emirati, se scendessero in campo direttamente; in Marocco, il re Mohammed V ha polverizzato i partiti islamisti per consunzione, ha rapporti saldi con Riad, ancora oggi è l’unico Paese del Sahel in cui resiste una comunità ebraica, nonostante la Aliyah post ’48; la Giordania sta giocando una partita in penombra, ma Amman è fondamentale, non solo geopoliticamente, ma perché la monarchia hashemita vanta una discendenza diretta con il Profeta: nononostante il 33% della popolazione sia di origine palestinese, il re Abdullah II bin Al-Hussein punta a mantenere la pace con Israele, a contenere l’islamismo interno, ed è essenziale rivendicare lo status quo giordano sui luoghi sacri dell’Islam di Gerusalemme ed impedire qualsiasi ipotesi di ricollocazione dei gazawi sul suo territorio. Sul fronte di chi invece si è finora speso come mediatore, pesa proprio l’adesione all’Islam politico. E’ il caso del Qatar, cassiere della Fratellanza Musulmana, ma a cui spesso gli USA hanno lasciato ampi spazi di mediazione proprio con movimenti para o chiaramente terroristici, come i Taliban; ancora più difficile è aspettarsi un contributo reale dalla Turchia, dove l’espansionismo neo ottomano di Erdogan passa per un appoggio ad Hamas quasi esistenziale, considerando che alle amministrative turche hanno vinto molti sindaci nemici del Sultano.
In definitiva, la presenza di una vasta islamosfera non ostile ad Israele, nonostante i disastri della guerra, ci deve far essere ottimisti per il futuro. E dovrebbe far riflettere anche i nemici in Occidente di Israele, che ingenuamente lo liquidano come “potenza coloniale”, mentre è invece una potenza regionale attraverso la quale tanti Paesi musulmani puntano a stabilizzare il Medio Oriente.

*Giornalista e scrittore

Visualizzazioni: 63

2 thoughts on “Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio