NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole

di Emanuele Calò*

Dalle circostanze che cingono d’un filo spinato virtuale gli eventi di Gaza non emergono elementi di novità, poiché lo spartito è sempre il medesimo da millenni, e tutto ciò implica che, a dire il vero, la ricerca del nuovo si rivela poco più che un’illusione, per cedere il passo ad un minaccioso topòs, che conosciamo noi ma che, parimenti, avrebbero potuto conoscere anche i nostri antenati. La faccia ignobile che si voleva vedere un millennio addietro, quella dell’ebreo malvagio, è esattamente la stessa che si profila ora nell’esaltazione del livore contro lo Stato ebraico, visto quale ebreo fra le nazioni.

(Emanuele Calò)

Così facendo, l’uomo perde una a una le sue primitive conquiste, anche nelle sue versioni più elementari; laddove si poteva distinguere, finanche negli ominidi, fra aggressore e aggredito, vediamo che la marcia indietro, nella scala dell’evoluzione, porta a rendere impossibile quell’operazione all’apparenza così elementare. Se Karl Marx non se l’aspettava, forse lo stesso è a dirsi per Charles Darwin.

Non è un dettaglio, poiché la democrazia ora è in scacco, laddove si contesta il diritto all’esistenza di Israele e -guarda caso – anche di Taiwan e dell’Ucraina. Possibile che tutto ciò non dica nulla?

(soldati israeliani nel kibbutz di Kfar Aza, dopo la strage di civili)

Nel caso di Israele, non è lecito dirsi sorpresi, perché sono decenni che la narrazione su Gaza viene falsata. Il 7 ottobre 2023, giorno della strage compiuta da Hamas su civili israeliani, vennero lanciati da Gaza settemila razzi. Ciò, in un giorno; si consideri come sia possibile che l’opinione pubblica non sia mai stata sensibilizzata nei riguardi della ultraventennale pioggia di migliaia di razzi sulla popolazione inerme di Israele, che si è dovuto dotare di scudi antimissile, del costo di 50 mila dollari per ogni intervento. Una situazione che avrebbe mosso qualsiasi Paese del mondo a muovere guerra per salvaguardare i propri cittadini. Siccome ciò non bastava a muovere Israele ad entrare a Gaza, l’anno scorso il gruppo terroristico Hamas invase Israele violentando, uccidendo, tagliando le teste. Il Segretario di Stato USA, Anthony Blinken, descrisse in Senato uno degli episodi: “l’occhio del padre cavato davanti ai suoi figli, il seno della madre tagliato, il piede della ragazza amputato, le dita del ragazzo tagliate prima che fossero giustiziati, e poi i loro carnefici si sedettero e fecero un pasto. Questo è ciò di cui si occupa questa società.”

Inoltre, furono catturati 242 fra israeliani e stranieri residenti in Israele, fra i quali donne, vecchi e bambini piccoli; le donne vennero violentate, torturate, mutilate, e i loro cadaveri furono esibiti alla folla gazawi perché sputasse addosso ai resti.

Ernesto Galli della Loggia, sul Corriere della Sera, così rispose alle critiche a Israele: chi stigmatizza l’azione israeliana dicesse cosa avrebbe dovuto fare lo Stato ebraico. È significativo che nessuno lo abbia detto, perché questo silenzio ci porta difilato alle cause del conflitto. La folla scende in strada ad inveire contro Israele, e se nulla dice degli ostaggi, di uomini, donne e fanciulli violentati e torturati, è perché a loro pare giusto che così sia. D’altronde, cosa aspettarsi da gente alla quale non dice nulla che Gaza conti con seicento kilometri di tunnel, col risultato di avere una Gaza di sotto, dove si nascondono i terroristi, protetti dagli scudi umani della Gaza di sopra?

La distruzione morale non è soltanto propedeutica a quella morale, ma ne costituisce la conditio sine qua non. Se troppi mass media non avessero agito per decenni con un’alternanza di silenzi e di bugie, Hamas ed i suoi burattinai stranieri non si sarebbero presentati al mondo come dei vendicatori anziché per quello che sono gli uni e gli altri: un’entità terroristica inserita nella black list dell’Unione europea. Per decenni si è parlato il meno possibile della pioggia di razzi da Gaza su Israele, si è sorvolato sul fatto che nel 2005 Israele si fosse ritirata da Gaza, si è detto poco o nulla dalla violenza con cui Hamas nel 2007 cacciò l’OLP da Gaza, arrivando a gettare i loro avversari dalle finestre. La versione di Gaza quale “carcere a cielo aperto” è stata così sfacciata da far ignorare al pubblico che Gaza aveva una frontiera con l’Egitto. Ossia, perfino la geografia è stata manipolata. Quanto ai libri di testo, accanto ad alcuni che meritano il plauso, ve ne sono d’altri che indirizzano la narrazione verso la demonizzazione di Israele. In questo caso, è da ricordare che nel novembre 2021 il MIUR emanò le linee guida sul contrasto all’antisemitismo nella scuola, che comprendevano la lotta contro la diffamazione di Israele, il cui seguito, dopo tre anni, non è visibile, forse perché semplicemente tale seguito non esiste.

Siamo in tempo per invertire questo andamento? Dopo il 7 ottobre 2023, diremmo di no: è troppo tardi, perché ormai Israele e gli ebrei sono sotto assedio, perfino nelle Università. Il dato quantitativo, come sosteneva Hegel (e, indi, Marx) è divenuto ormai qualitativo; più precisamente, la continua diffamazione non poteva che risolversi in un’orwelliana inversione della verità, dove (come accennato) l’aggredito diventa aggressore e l’aggressore vittima.

Se è troppo tardi, cosa si può fare? Si può chiedere la par condicio nei mass media, e si può anche considerare (e dire) che fra boicottaggio agli ebrei del 1938 e boicottaggio di Israele nel 2024, c’è una differenza importante: ci si veste in modo diverso. Per il resto no, non c’è differenza. Abbondano pure i Telesio Interlandi, sotto nemmeno mentite spoglie. Se questa situazione non è passibile di cambiamenti, per contro, la si può sventolare sotto le narici dei protagonisti della comunicazione. Certo, non è molto, ma non ci giurerei: qualcuno potrebbe pure destarsi dal torpore, altri potrebbero sentire il richiamo della loro coscienza. Dal 7 ottobre 2023 abbiamo scoperto da un giorno all’altro che tanti italiani cattolici, oppure semplicemente laici, hanno dimostrato con la vicinanza a Israele e agli ebrei l’esistenza di un’Italia nobile e bellissima, vicina alla maggioranza degli ebrei. Questa presenza di italiani non ebrei, sensibili alle ragioni di Israele, dimostra che la coscienza di tanti italiani è superiore al martellamento di versioni volgarmente diffamatorie. Saranno questi italiani, col loro patriottismo, a consentirci di svelare un Paese nobile e produttivo, la cui sola esistenza costituisce un motivo di speranza per questo Paese meraviglioso, che non merita di finire nelle mani di calunniatori e di odiatori. Questo Paese non merita di finire nelle mani di chi invoca a ogni piè sospinto la Costituzione, falsandone però il contenuto, compresa l’omissione dell’art. 52, laddove stabilisce che la difesa della Patria è sacro dovere del cittadino. Ancora, fra gli scomparsi senza che ne sia rimasta traccia, vi è la definizione IHRA di antisemitismo, adottata dall’Italia: stranamente, non la menziona più nessuno. Quando si dice nessuno – badate – non vi sono eccezioni. Perché è sparita? È sparita perché le sue previsioni comprendono una parola che non si vuole pronunciare: Israele.

*Scrittore

Visualizzazioni: 175

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio