NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”

di Giuseppe Crimaldi

“Israele sta vivendo ore drammatiche, ma anche decisive per il proprio futuro. Lo dico non soltanto pensando alla guerra contro Hamas, ai civili ostaggi e alla risoluzione dell’Onu sul cessate il fuoco, ma anche alle evoluzioni interne della politica nazionale. La Corte Suprema è chiamata in queste ore a sciogliere un nodo gordiano: quello sull’obbligo del servizio militare anche per gli haredim, gli ultraortodossi che fino a oggi sono stati esentati dal servire per l’Esercito nella difesa della nazione. Nelle prossime ore ne sapremo di più, ma il Paese è stanco di questo privilegio riservato loro”. Sergio Della Pergola è professore emerito di Demografia all’Università Ebraica di Gerusalemme, ma è anche uno dei più acuti analisti politici israeliani.

Nato a Trieste in una famiglia ebraica, Sergio è figlio del giornalista Massimo Della Pergola, noto anche per aver inventato la schedina del Totocalcio. Triestino di nascita, nel dicembre del 1943 sfuggì ai rastrellamenti dei nazifascisti, dopo la guerra è cresciuto a Milano e si è trasferito a Gerusalemme nel 1966. In questa intervista esclusiva a Italia Israele Today – che pubblichiamo in due puntate (la seconda uscirà martedì 27 marzo) – affronta la situazione che vivono oggi gli israeliani, tra amarezze, delusioni e speranze, dopo il 7 ottobre.

(Sergio Della Pergola)

– Brucia ancora la decisione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu di lunedì sera, quando al Palazzo di Vetro è passata la risoluzione sul cessate il fuoco, con l’astensione degli Stati Uniti. Adesso che succede?

“La mozione del Consiglio di Sicurezza va letta con attenzione: dice che si deve arrivare al cessate il fuoco nella Striscia e che tutti gli ostaggi israeliani vanno liberati. Io avrei invertito la formula, premettendo la liberazione dei prigionieri nelle mani di Hamas al cessate il fuoco, ma il fatto che per la prima volta si chieda il rilascio di “tutti” gli ostaggi è un fatto nuovo, e molto importante. La trattativa che zoppica in Qatar finora si era fermata a rilasci parziali, l’ultima bozza parlava di 40 ostaggi da liberare. Oggi invece c’è quello che per me è un passo avanti formalmente molto importante. Quanto all’atteggiamento assunto dagli Stati Uniti, siamo di fronte a una decisione politica: l’astensione degli Usa è condizionata dalla campagna elettorale americana, nella quale Joe Biden cerca consensi a sinistra e nell’elettorato musulmano che in alcuni Stati – penso al Michigan – risultano poi decisivi nella conta finale dei voti”.

– C’è il rischio che dopo la decisione americana Israele resti isolata?

“La decisione è anche un messaggio al premier Benjamin Netanyahu, per dirgli: “Attento Bibi, il manico del coltello ce l’abbiamo noi e non tu”. Ma questo è uno schiaffo a Netanyahu, non a Israele. Non sarei catastrofista, e non penso che l’America lascerà Israele da sola”.

– E Netanyahu? Quale sarà il suo futuro, a guerra terminata?

“Netanyahu è arrivato di fronte a un muro. Forse in Italia se ne parla poco, ma qui in Israele in queste ore il tema politico è quello legato all’arruolamento nell’Esercito dei giovani “haredim”. I quali, finora, hanno goduto di uno status privilegiato che ha sempre consentito agli ultraortodossi di essere esonerati dal servizio militare, anche se tale esenzione non è più una legge dal 2018, quando la Corte Suprema ha scelto di annullarla. È su tale questione che gli Haredim rischiano di spaccare il governo”.

– Perché?

“La Corte Suprema israeliana ha dato al governo 24 ore di tempo per chiarire se intenda modificare questo privilegio, fornendo le linee programmatiche in grado di chiarire su come procedere in futuro di fronte a questa palese discriminazione; oppure chiarire i motivi della stessa sperequazione ai danni di migliaia di giovani israeliani chiamati a difendere il Paese”.

– E’ una questione sentita in Israele?

“Molto, e nelle prossime ore vedremo cosa succederà. La gente qui è stanca di giustificare questa esenzione, questo odioso privilegio. Circa 600 ragazzi israeliani sono morti, tra quelli assassinati il 7 ottobre mentre difendevano i confini e quelli caduti in guerra. E ci sono, tra i giovani di Tsahal, più di 3000 feriti gravi, i quali vivranno con amputazioni degli arti o gravissime invalidità. Perché, si chiedono gli israeliani, questi eroi devono essersi immolati anche per difendere il diritto all’esistenza anche degli ultraortodossi? La grande maggioranza degli israeliani è indignata: cosa fate voi haredim, mentre i nostri figli difendono con la vita anche voi?”

E che cosa succederà di fronte all’aut-aut della Corte Suprema?

“Le ipotesi sono due: o in un prossimo futuro anche gli haredim dovranno indossare la divisa di Tsahal; oppure gli scenari diventano imprevedibili: Bibi dovrà procrastinare la sua decisione fra mille contorsioni e forse riuscirà ad avere una proroga dalla Corte ancora per alcuni mesi. Ma la resa dei conti ea questo punto sarà inevitabile.”.

– In che senso?

“Su questo punto nevralgico potrebbe anche cadere il governo. All’interno della maggioranza c’è chi non ne può più dei privilegi riservati agli ultraortodossi. Anche nel Likud ci sono almeno quattro “franchi tiratori” pronti a impallinare Bibi, se non cambierà la legge. E non è un caso se a capitanare questa pattuglia ci sia proprio Yoav Gallant, il ministro della Difesa, che è un ex generale. E c’è anche il potente presidente della Commissione Esteri a sostenere la sua linea. Certo, Bibi ci ha abituati a sempre nuovi giochi di prestigio: ma credo che stavolta gli sarà difficile tirare il coniglio dal cappello”.

(fine prima parte)

Visualizzazioni: 268

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio