NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica

Si lamenta, dice e non dice, ma si capisce benissimo da quale parte stia. Si è dimostrato incapace di governare l’arruolamento di dipendenti nella organizzazione che dirige consentendo l’infiltrazione di spietati terroristi, e poi torna a piagnucolare, sapendo bene di avere le spalle coperte da quel carrozzone ormai sgrammaticato e inutile che si chiama Onu. Ma ci sarà pure un motivo se a marzo Israele gli ha negato il visto d’ingresso a Gaza.

Stiamo parlando di Philippe Lazzarini, il capo dell’Unrwa, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi. Proviamo a conoscere meglio chi è questo agente diplomatico svizzero italiano assetato di carriera e ottimamente remunerato a spese dell’Onu (e dunque, anche nostre). E facciamolo partendo dalla fine, cioè da stamattina, quando le agenzie di stampa mondiali hanno battuto la seguente notizia: “Lazzarini: Israele sta pianificando attacco a larga scala a Rafah”. Tralasciamo la “non notizia” (sapessi che scoop il suo annuncio, lo sanno anche le locuste del deserto quello che sta per accadere se Hamas non rilascerà quel poco che resta degli ostaggi israeliani nelle mani dei terroristi). Ma la vera notizia sta qui: indovinate a chi Lazzarini ha concesso un’intervista “esclusiva”? Al Times? Al Washington Post? Al Corriere della Sera o alla Reuters? Siete fuori strada: per propalare il proprio verbo il capo dell’Unrwa ha scelto la TASS, l’agenzia di stampa russa: un organo d’informazione notoriamente obiettivo, mai schierato e soprattutto indipendente dal potere politico di Mosca.

«Israele sta preparando un’operazione militare su larga scala nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza – ha dichiarato con voce grave – La mia paura in questo momento è ciò che l’esercito israeliano intende fare, a prescindere dall’assistenza militare a Israele da parte degli Stati Uniti. Sembra che ci sia una preparazione per un possibile intervento militare su larga scala a Rafah». Niente sugli ostaggi ancora imprigionati, non una parola di condanna sui tagliagole di Hamas, nessuna pietà per i morti quando i morti sono degli ebrei.

E dire che l’Unrwa resta ancora al centro di polemiche da quando, a fine gennaio, Israele ha accusato 12 suoi dipendenti di essere coinvolti nell’attacco mortale di Hamas in territorio israeliano del 7 ottobre. Il ministro degli esteri israeliano Israel Katz aveva invitato lo stesso Lazzarini a dimettersi. Ma anche Lazzarni “tiene famiglia”, cercate di comprenderlo. Formatosi nelle fila della Croce Rossa internazionale, questo 60enne arruolato nelle fila dell’Onu ha lavorato su diversi scenari caldi: da quello serbo-bosniaco durante la guerra dei Balcani e a Mosul, Iraq. Poi il grande salto, con la benedizione di Antonio Guterres. Ora, noi non sappiamo se la stima fatta dall’Esercito israeliano (che ha parlato addirittura di “oltre 450 impiegati dell’Unrwa come appartenenti a organizzazioni terroristiche della striscia di Gaza, in particolare a Hamas”) sia esagerata o corretta: ma possiamo credere al terribile coinvolgimento negli abomini commessi dai palestinesi il 7 ottobre.

Ma torniamo a lui. Poco prima che Israele gli negasse il visto, Lazzarini rilasciò un’altra “esclusiva”, stavolta ad un canale svizzero-tedesco, accusando Israele di torturare i dipendenti dell’agenzia delle Nazioni Unite arrestati: «Abbiamo testimonianze di prima mano che accusano Israele di maltrattamenti e torture sistematiche». Peccato che queste prove inconfutabili della perversione israeliana non siano mai state dimostrate. Viene da chiedersi: che cosa anima in Lazzarini tanto livore? Forse il ruolo che deve a forza recitare con la casacca di diplomatico Onu? Informazioni errate e spudoratamente di parte che gli propinano i suoi fedelissimi a Gaza? Pregiudizio anti-israeliano? O cos’altro?

(Lazzarini, a destra, a colloquio con il Segretario di Stato Usa Anthony Blinken)

Lui, intanto, ha saltato il fosso più insidioso che gli potesse capitare: dopo l’uscita di Usa, Gran Bretagna e altri Stati dall’elenco dei finanziatori Unrwa, e ha prontamente dichiarato di non volersi dimettere (e già: pure lui tiene famiglia…). Tuttavia, se continuasse l’astensione ai finanziamenti, l’Agenzia verrebbe privata di 450 milioni di dollari (418 milioni di euro) solo per quest’anno. Ma molte nazioni – non gli Stati Uniti – hanno già ripreso a elargire generosissime donazioni. A proposito di denari: meriterebbe poi un capitolo a parte l’approfondimento sui canali nei quali finiscono i finanziamenti ai palestinesi. L’Unione Europea ne dovrebbe sapere qualcosa: a fronte di miliardi di euro erogati, Hamas non ha mai pianificato progetti di sviluppo industriale, per l’agricoltura, e meno che mai culturali, preferendo destinare quelle generosissime vagonate di soldi all’acquisto di razzi e alla costruzione di tunnel sotterranei. Ma tutto questo a Lazzarini non importa.

Visualizzazioni: 61

One thought on “Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio