NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

Golda, leonessa d’Israele

di Antonio Cardellicchio

Grande donna senza quota rosa, grande ebrea, grande sionista, statista, socialista democratica. Tutto questo era Golda Meir, la cui vita è ben raccontata da Elisabetta Fiorito, giornalista, nel suo libro “Golda. Storia della donna che fondò Israele”, Giuntina 2024. Libro presentato con vivace narrazione da Miriam Rebhun, intellettuale e narratrice, nella Comunità Ebraica di Napoli.
Libro proibito dalla violenza antisemita diffusa, che aveva aggredito in stile squadristico la libreria di Firenze dove l’autrice stava presentando il libro. Stiamo raggiungendo il limite del rogo dei libri ebraici.

Storica protagonista della vita politica e sociale di Israele, Golda Meir è stata attivista di un kibbutz, militante sionista, sindacalista, dirigente del partito laburista, ministro (sar), primo ministro. Ha contribuito alla formazione dello Stato di Israele in periodi decisivi.

Al tempo della Commissione Peel, quando cominciava a profilarsi la possibilità di uno stato indipendente ebraico, Golda sosteneva che il territorio assegnato dai britannici era troppo ridotto, una piccola striscia che non era capace di accogliere l’aliya degli ebrei, e che gli ebrei erano stati abbandonati a se stessi. Dichiarava: “Una sola cosa spero di vedere prima di morire, che il mio popolo non abbia più bisogno di ricevere compassione.” Giustizia, non compassione per il popolo ebraico sarà il senso dell’intera vita di questa donna. La memoria infantile dei terribili pogrom nell’Ucraina nativa sarà sempre presente nel suo cuore e nella sua mente, per una identificazione di destino con il suo popolo, come spinta a una volontà di libertà e indipendenza ebraica.

(Il Congresso sionista di Basilea)

Al congresso sionista di Basilea nel 1946, con una platea sconvolta dal lutto della Shoah, Golda esalta i sabra, la nuova generazione di ebrei nati in Palestina, giovani intrepidi che salvano i profughi portandoli a spalla dalle spiagge a terra. Dirà: “Il sionismo e il pessimismo non sono compatibili”.
Esemplare la sua azione subito dopo la proclamazione dello Stato, quando va negli Stati Uniti per raccogliere fondi che urgono per la difesa dall’invasione araba. A Chicago, davanti a un pubblico di organizzazioni assistenziali ebraiche, molto placido e distante, Golda pronuncia parole di fuoco:

“La comunità ebraica della Palestina è decisa a combattere fino alla fine. Se avremo armi con cui lottare bene, se non le avremo lo faremo con le pietre, a mani nude. Noi, cari amici, siamo in guerra. Non c’è un ebreo di Palestina che non sia persuaso che alla fine ne usciremo vittoriosi. Ma lo spirito non basta contro fucili e mitragliatrici. Il nostro problema è il tempo. Come possiamo procurarci subito le armi? E con questo non intendo il mese prossimo, ma immediatamente. In un paio di settimane, dobbiamo raccogliere tra i 25 e i 30 milioni di dollari. Non sarete voi a stabilire se dovremo combattere o meno. Questa decisione spetta a noi, e state certi che la comunità ebraica di Palestina non alzerà bandiera bianca. Sta a voi, però, decidere in questa lotta se a vincere saremo noi o il Muftì di Gerusalemme. Vi imploro: non tardate a prenderla, perché tra tre mesi potrete rimpiangere quel che non avete fatto oggi. Il momento è adesso, il tempo stringe.” La platea si alza, applaude e piange.

Da ministro degli Esteri, nel 1956, davanti a un’ondata di attacchi terroristici da Gaza, è favorevole a una risposta decisa: “Devono sapere che la pagheranno cara, non abbiamo iniziato noi tutto questo. Non mi interessa se non possiamo spiegare le nostre azioni al mondo. Non sarà perché il mondo non capisce, ma perché non vuole capire. Restare vivi significa molto di più che avere la pietà internazionale quando siamo morti.” Bruciante attualità di queste parole, oggi che il mondo crede ad Hamas e nega le ragioni esistenziali di Israele.

Quando nel 1956 due offensive israeliane conquistano il Sinai e la Striscia di Gaza, Golda visita Gaza, fino ad allora egiziana e base del terrorismo fedayin. Qui l’Egitto aveva ammassato mezzo milione di profughi in orrende condizioni di miseria e degrado. Lei resta sgomenta davanti a questa realtà e al cinismo dei dirigenti arabi, e riflette che questi infelici avrebbero potuto essere integrati da uno dei 49 stati islamici, e fa un paragone con l’opera di integrazione realizzata per gli ebrei giunti in Israele.

Nella crisi di Suez Israele viene lasciato solo, lei come ministro degli Esteri interviene all’ONU:

“Punto focale è l’ostilità araba sistematicamente diretta contro Israele. Tale inimicizia non è affatto naturale, trattandosi di un fenomeno artificialmente indotto e fomentato. Se l’odio non sarà più il motore della politica araba, tutto diventerà possibile. Più e più volte il governo di Israele ha teso la mano in segno di pace ai suoi vicini, ma finora sempre invano. Il proposito di distruggere Israele è un retaggio della guerra condotta da Hitler contro il popolo ebraico: non è mera coincidenza che i soldati di Nasser abbiano la traduzione araba di ‘Mein Kampf’. Sostituiamo allo sterile odio e alla brama di distruzione la cooperazione tra Israele e i suoi vicini, così facendo daremo vita, speranza e felicità a tutti i nostri popoli.”

In un faccia a faccia con Nixon nel 1969, dichiara:

“Quello che un tempo era la Palestina ospita adesso due paesi, uno ebraico e uno arabo, non c’è spazio per un terzo. Ai palestinesi non resta che cercare la soluzione dei loro problemi attraverso l’accordo con il paese arabo, cioè la Giordania, perché uno stato palestinese tra noi e la Giordania sarebbe ineluttabilmente destinato a diventare una base dalla quale risulterebbe più facile che mai attaccare e distruggere Israele.”

Ancora attualità: Biden e l’Unione Europea vogliono oggi imporre i due stati, fingendo di non sapere che si creerebbe una nuova Hamastan. Poi compie un giro tra le comunità ebraiche e si ferma in quella di Milwaukee, dove aveva vissuto da giovane, e vi pronuncia parole nette proprio nel liceo dove si era diplomata: “Gli arabi ci vogliono morti, ma noi abbiamo deciso di restare vivi.”

In un’emergenza della lunga guerra d’attrito con gli arabi, decide di formare un governo di unità nazionale che include Menachem Begin, storico leader del Likud.
La posizione di Golda sulla “questione palestinese” è netta e inequivocabile:

“Non c’è mai stato qualcosa come i palestinesi. Sono mai esistiti i palestinesi in uno stato indipendente? No, antecedentemente la Prima guerra mondiale la regione veniva considerata il sud della Siria, poi una Palestina inclusa nella Giordania. Non c’era un popoloso palestinese che abitasse la Palestina, perché semplicemente non esisteva. Non esiste un popolo palestinese, e non esistono i rifugiati palestinesi. Nel 1921, anche noi ebrei venivamo chiamati ‘palestinesi’. Non c’è posto per un terzo stato, sono lo stesso popolo che vive ad Amman, prima del 1967 non si era mai sentito parlare di palestinesi.”

In Italia, a un colloquio con Aldo Moro, si trova immersa in contorte circonlocuzioni filo-arabe. Allora schietta dichiara:
“Sa a cosa ho assistito in Palestina da giovane donna? Gli arabi uscivano la notte dai loro villaggi e si appostavano vicino ai kibbutzim per sparare a tradimento ai nostri. Gli arabi facevano saltare in aria gli sgangherati pullman che conducevano vecchi e giovani da Tel Aviv a Gerusalemme. Più volte avvelenavano i pozzi o seppellivano mine antiuomo sotto le strade. Mai permetterò che queste cose si ripetano.”

Nella celebre intervista a Oriana Fallaci, Golda critica la tolleranza italiana verso il terrorismo:
“Una tolleranza che, mi permetta di dirle, ha le sue radici in un antisemitismo non spento. Ma l’antisemitismo non si esaurisce mai nella sofferenza degli ebrei e basta. La storia ha dimostrato che l’antisemitismo nel mondo ha sempre annunciato sciagure per tutti.”

Ancora evidente attualità: l’antisemitismo furioso è cieco di oggi non vede che dopo l’annientamento degli ebrei verrà la distruzione della libertà e dignità per tutti. Del resto, l’ordine totalitario proprio questo vuole.

Golda avrà sempre un senso di colpa per l’impreparazione iniziale nella guerra del Kippur, sarà autocritica con se stessa e il suo governo. Poi si ritirerà a vita privata. Poi si spegnerà nel 1978.
Avrà funerali di popolo ammirato e commosso, una folla “di generazione in generazione”.

Compianta e memorizzata come grande leader, “regina” di Israele, madre della patria, esempio di dedizione.
Una leader che sapeva stare alla testa e non alla coda, che mostrava coraggio nella visione e nella decisione, carica d’amore per Israele, espressione di una sinistra di governo, non demagogica ideologica, mente aperta, grande cuore. Scolpita con la sua luce nella memoria di Eretz Israel, della diaspora, dei democratici del mondo intero

Visualizzazioni: 36

One thought on “Golda, leonessa d’Israele

  1. molto interessante. grazie . aspettiamo Elisabetta Fiorito a Perugia per presentazione libro su Golda Meir il 13 maggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio