NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.


DICHIARAZIONE del Presidente della Federazione Associazioni Italia Israele, Bruno Gazzo

Il Senato Accademico della Università di Torino ha preso la decisione di boicottare la partecipazione al bando 2024 del MAECI per la raccolta di progetti di collaborazione tra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane: questo è un fatto gravissimo!

È la conferma di quanto sostengo da tempo: la palese ignoranza della storia contemporanea del Medio Oriente da parte di una buona parte del mondo accademico italiano, almeno di quello che non sostiene apertamente Hamas, gruppo riconosciuto terrorista dall’Unione Europea. ai sensi del Regolamento di esecuzione (UE) 2023/1505 del Consiglio del 20 luglio 2023.

Il Senato Accademico della Università di Torino ha ricevuto una delegazione del gruppo studentesco Cambiare Rotta e di Progetto Palestina, entrambi con posizioni palesemente pro-Hamas e allora almeno su un punto vorrei subito aiutare a colmare l’ignoranza di tale Senato a riguardo della storia contemporanea del Medio Oriente.

Questi gruppi sfilano nelle loro manifestazioni con striscioni con la scritta “From the River to the Sea: Free Palestine”.

Vorrei informare l’augusto Senato Accademico torinese che con quegli striscioni e slogans non chiedono la creazione di uno stato libero palestinese, ma la cacciata di tutti gli ebrei e la distruzione dello Stato di Israele. 

Dal fiume Giordano al mare.

La “bella figura” che ha fatto il Senato Accademico dell’Università di Torino.

Questi gruppi studenteschi che “democraticamente”, ma in realtà di fronte a metodi di natura squadristica, tale Senato Accademico ha deciso di ascoltare gridano anche che Israele sta commettendo un genocidio a Gaza.

L’accusa di genocidio contro Israele non solo è del tutto infondata in fatto e in diritto, ma è moralmente ripugnante. Il ricorso a tale retorica è progettato per utilizzare come arma contro Israele un termine coniato per descrivere il peggior crimine commesso contro lo stesso popolo ebraico, e così facendo è antisemita e profondamente offensivo per la memoria delle vittime dell’Olocausto. Sostenere il “genocidio” in un momento in cui Israele si difende legalmente da un’organizzazione terroristica dichiaratamente genocida e cerca costantemente di ridurre al minimo il danno alla popolazione civile palestinese anche se Hamas cerca di massimizzarlo, è una diffamazione che svuota il termine di significato.

Ci sono poche accuse più ripugnanti di quella secondo cui a Gaza si sta verificando un “genocidio”. Evoca il vile modello antisemita di attribuire al popolo ebraico la colpa e accusarlo degli stessi crimini di cui lui stesso è caduto vittima. Cerca anche di oscurare il fatto che il 7 ottobre Hamas stessa era impegnata nel sadico massacro di ebrei innocenti con l’intento specifico di distruggerli come gruppo, a sostegno degli espliciti appelli al genocidio contenuti nella sua Carta.

Detto questo, da quanto apprendo dai media, sembra che il Senato Accademico Torinese abbia tenuto, almeno in parte, conto dei suggerimenti di questi gruppi studenteschi e abbia così deciso il boicottaggio del bando 2024 MAECI.

Tale ardore decisionista contro le Università israeliane appartenenti ad uno Stato democratico non mi sembra vogliate applicarlo quando stringete accordi per il 2025 con l’Università delle religioni a Qom, pilastro del potere degli ayatollah iraniani, cioè di uno stato fondamentalista islamico dove le donne vengono uccise per non portare il velo.

Sempre sui media leggo che questa decisione non mette in forse le collaborazioni in essere con le Università israeliane.

Troppo comodo augusti accademici senatori torinesi!

La Federazione delle Associazioni Italia Israele si farà promotrice di un’azione presso le Università israeliane che hanno accordi con UNITO perché ripensino seriamente le collaborazioni col vostro ateneo, sia quelle presenti che quelle che potrebbero essere ipotizzate in futuro.

Voi avete accettato la richiesta di boicottare le Università di Israele?  E allora aspettatevi che anche noi si chieda alle Università di Israele di boicottare voi. 

Dopo la Shoà e la costituzione dello Stato di Israele i tempi sono cambiati. Fatevene una ragione.

Le Università israeliane hanno contribuito allo sviluppo umano con studi e ricerche innovative riconosciute in tutto il mondo, numerosi premi Nobel nel campo della letteratura, dell’economia e della chimica sono stati assegnati a cittadini israeliani.

Il danno che fate con la vostra decisione non lo fate certo alle Università israeliane, lo fate a voi e ai vostri studenti.

Non so se a Gaza esista almeno un’università di Hamas, ma se ne esistesse una perché allora non iniziare una collaborazione con loro? Sicuramente gli studenti di Cambiare Rotta, di Progetto Palestina e tutti coloro che sostengono il BDS, ne sarebbero entusiasti.

Sicuramente il Politecnico potrebbe avvantaggiarsi nel conoscere la tecnica usata dai terroristi per creare decine di chilometri di tunnels in cemento armato al di sotto di una superficie sabbiosa dove sono stati tenuti, e lo sono ancora, centinaia di ostaggi israeliani, uomini e donne rapite e stuprate.

Gli accademici palestinesi potrebbero illustrare come ci si può organizzare per accusare di genocidio Israele usando i civili palestinesi come scudi umani, oppure come ottenere fondi internazionali per pubblicare libri di scuola dove la cartina del Medio Oriente non comprende Israele.

Naturalmente la mia è solo una triste ad amara ironia.

I difensori dei nazisti al processo di Norimberga provarono a far passare questa tesi: si, noi abbiamo ucciso milioni di ebrei, ma anche voi alleati avete ucciso con i bombardamenti centinaia di migliaia di civili tedeschi. I giudici di Norimberga rigettarono questa tesi.

Infatti, e si può applicare il concetto anche all’attuale conflitto fra Israele-Hamas, un conto è uccidere ebrei in quanto ebrei (genocidio) e un conto sono i morti civili in conseguenza di una guerra non certo provocata da Israele con un nemico, Hamas e la Jihad islamica che si fa scudo della popolazione civile.

Sembra che molti si stiano mobilitando per chiedere al Senato Accademico dell’Università di Torino di ripensare e di annullare la decisione presa. Anche io ho una richiesta, anzi due.

La prima: nel 2007 l’Università degli Studi di Torino ha dedicato l’Aula magna dell’Istituto Chimico a Primo Levi dove aveva studiato e si era laureato. Bene toglietela! Non ne siete più degni.

La seconda: non cambiate la vostra decisione! Noi vogliamo che questa macchia resti indelebile negli annali della Università di Torino. Dovrete essere ricordati nel tempo per quello che avete fatto!

“Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare” sono le parole di Primo Levi, e noi avremo memoria della decisione che il Senato Accademico dell’Università di Torino ha voluto prendere.

Bruno Gazzo, Presidente Federazione Associazioni Italia-Israele

Avviso per il Senato Accademico UNITO: prima di salvare eventualmente questo file su una pennetta USB siate consci che la stessa è stata inventata da Dov Moran insieme ad Amir Ban e Oron Ogdan, Tutti inventori israeliani.

Visualizzazioni: 240

4 thoughts on “DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.

  1. Condivido appieno. Esecrabile il comportamento del senato accademico dell università di Torino. Colpevoli di ignoranza, certo, ma soprattutto di viltà e disprezzo di se stessi. Sia imperitura la loro vergogna, definitiva e inescusabile.

  2. Condanno questa decisione dell universita di Torino assolutamente non obbiettiva.
    La collaborazione tra Italia e Israele e fondamentale.

  3. Condanno fermamente il comportamento del Senato Accademico dell’Università di Torino che giudicò vergognoso, pericoloso, preoccupante e di cattivo auspicio anche perché è in contraddizione con ciò che l’università rappresenta, studio, conoscenza e comprensione.

  4. Sono le università italiane a non meritarsi la collaborazione di quelle israeliane.
    Si ripete il copione di quasi cento anni fa : l’ignoranza e la codardia hanno preso il sopravvento sulla ragione e il coraggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio