NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

“Questa guerra non cambierà niente”

Intervista di Francesca Borri su Repubblica ad Abdulkhaleq Abdulla

“In confronto al 1948, il numero dei morti è il doppio, e quello degli sfollati il triplo. Ma questa guerra, no, non trasformerà il Medio Oriente. Semplicemente perché il mondo arabo non cambierà, e Israele non sparirà. A sparire sarà solo Hamas”.

Non è l’opinione di un generale dell’IDF, ma di Abdulkhaleq Abdulla, il più noto analista del Golfo. Politologo dell’università di Abu Dhabi, ora a Harvard, è tra i consiglieri più ascoltati di Mohamed bin Zayed, il principe degli Emirati Arabi che nel 2020 ha firmato gli Accordi di Abramo, normalizzando i rapporti con Israele. E che guida un paese che è ogni giorno di più una calamita per investimenti e talenti di ogni tipo. Nel 1971, l’anno dell’indipendenza dalla Gran Bretagna, gli Emirati Arabi avevano un PIL di 1,4 miliardi di dollari. Oggi, è 527,8 miliardi: 377 volte. “E il tentativo di sabotaggio di Hamas fallirà”, dice. “Questo Gulf Moment, questo momento, cioè, in cui i 6 paesi del Golfo contano più degli altri 16 paesi arabi, e indicano la rotta, non è destinato a finire”.

  • Perché sostiene che questa guerra non trasformerà il Medio Oriente?

Perché una cosa sono i numeri. I morti, i danni. Un’altra le dinamiche di lungo periodo. Su cui la guerra non ha inciso. Nel 1948, il risultato è stato la fondazione di Israele, e l’inizio di un conflitto che ha stravolto tutto. Ora, invece, si chiuderà l’era Netanyahu, ma Israele resterà il paese di prima. Un paese in crisi, con un rapporto irrisolto con la sua identità ebraica. Non imparerà niente dal 7 Ottobre. Esattamente come i palestinesi. Che resteranno divisi. Mentre i governi arabi resteranno al potere, e resteranno sulla stessa traiettoria. Non a caso, si sono avute più manifestazioni in Europa che qui. La nostra apertura a Israele non è in discussione.

  • Però, l’Assemblea Generale dell’ONU si è appena espressa a larga maggioranza per l’ammissione della Palestina.

Ma è il Consiglio di Sicurezza a decidere. E lì si avrà il veto USA.

  • Non pensa si avrà uno stato di Palestina?
    A breve? No.

Ma perché nessuno è intervenuto? I palestinesi erano certi che i paesi arabi si sarebbero uniti alla guerra. E forse, è anche quello su cui puntava Yahya Sinwar.
E allora è proprio fuori di testa. In un conflitto come questo, di questa complessità, e davanti a un attacco come quello del 7 Ottobre, nessuno viene a salvarti. Chi ha salvato il Ruanda? O Srebrenica? In guerra non hai che te stesso. Poi l’Iran magari è più cinico degli altri, fa il suo gioco e basta: ma nessuno si infila in un ginepraio così. Non ti aiuta manco Dio.

  • Qual è l’obiettivo dell’Iran?

Si parla tanto dell’Iran, come se fosse il più forte degli attori. Ma nonostante i vari Houti e Hezbollah, le sue varie milizie sparse per il Medio Oriente, la verità è che l’Iran è un regime agli sgoccioli, con gli iraniani tutti in piazza a tentare di abbatterlo. Specula sulla miseria e la disperazione per conquistarsi quella legittimità e popolarità che non gli arriva dall’interno. Dal modello di governo e società che propone. E mai gli arriverà.

  • L’altro paese di cui si parla tanto è l’Arabia Saudita.

Che è tutta contro Hamas. Perché il 7 Ottobre è stato un attacco a Riad, oltre che a Israele. L’Arabia Saudita era impegnata non solo nell’allargamento degli Accordi di Abramo, ma nella de-escalation dei tanti focolai di tensione degli ultimi anni: e all’improvviso, senza dire niente a nessuno, Hamas ha sfasciato tutto. Senza dire niente neppure ai palestinesi. E ora pretende che sia l’Arabia Saudita a saldare il conto della ricostruzione.

  • Sarà saldato dal principe bin Zayed?

No. Non pagheremo per i crimini di Israele. Pagheremo per fronteggiare l’emergenza, e in questo saremo protagonisti. Saremo al fianco dei palestinesi. Ma pagheremo la ricostruzione solo se si avrà lo stato di Palestina, e una Road Map per venire fuori da tutto questo.

  • E in cambio, Israele avrà la normalizzazione con l’Arabia Saudita?

Certo. Riad è determinata, e il testo dell’intesa ormai è pronto. Mancano alcuni dettagli, ma riguardano gli Stati Uniti. Non Israele. Perché non è un segreto: sono gli Stati Uniti ad avere quello che più interessa all’Arabia Saudita.

  • Quattro anni dopo, come valuta gli Accordi di Abramo?

Ero tra i perplessi. Ma onestamente, l’elenco dei benefici riempirebbe tutta La Repubblica. Intanto, ora a Washington è un’altra cosa. Ora, gli Stati Uniti sono nostri alleati. Poi, anche se vorremmo non fosse così, il Medio Oriente è pericoloso: e la condivisione dell’intelligence è essenziale. Ma c’è molto più di questo. Che si tratti di economia, di tecnologia, di ricerca, gli israeliani sono ai vertici. Hanno idee, competenze, esperienza, capitali, hanno entusiasmo e energia: ed è esattamente quello che vogliamo.

  • OK. Questo è il capitolo affari e sicurezza. La politica, invece?

Eravamo tutti sfiniti dalla Primavera Araba, e dai jihadisti. Mentre Hamas architettava il 7 Ottobre, qui, e in tutto il Medio Oriente, si ricucivano i rapporti. Si affrontavano le differenze sulla Siria, sulla Libia. Sullo Yemen. Con la Turchia e l’Iran. La normalizzazione con Israele è parte di una scelta più ampia, e irreversibile: la scelta di non vivere più in guerra.

  • E a Gaza? Cosa blocca il cessate il fuoco?

Sinwar e Netanyahu. Tutto il resto è secondario. E superabile. Ma Netanyahu sa che perderà il potere, ed è pronto a tutto. Mentre Sinwar probabilmente non ha neppure cognizione di che ha combinato. Di cosa c’è, sopra i tunnel. Anzi. Di cosa non c’è, ormai.

  • Per molti è un eroe.

Passerà alla storia come quello che per vendicare la Nakbah, ha finito per causarne un’altra.

Visualizzazioni: 115

2 thoughts on ““Questa guerra non cambierà niente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio