NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

I Campus Usa e la trave nell’occhio

di Carmine Pinto*

Biden è intervenuto. Richiesto da rettori, sindaci e poliziotti. Con uno sgombero efficace e indolore, le autorità Usa hanno “liberato” le università presidiate da studenti, pochi docenti ed occupatori di professione, tutti filopalestinesi. Operazioni in realtà svolte nel nome di prinicpi importati: la libertà di insegnamento e la sicurezza della maggioranza degli studenti, la lotta all’antisemitismo e alle strumentalizzazioni per Biden. Non era difficile. Questi movimenti sono animati da gruppi fortemente minoritari, incapaci di mobilitazioni massicce o discorsi sofisticati.

La loro forza reale è inversamente proporzionale all’impatto generale, ma garantita da tre fattori. Innanzitutto, sono espressione di università di élite, private o pubbliche: si tratta del più elevato livello socioeconomico del mondo libero. In secondo luogo, garantiscono un significativo rimbalzo nel circuito mediatico: sono i centri del sapere nei Paesi democratici. Infine, sono funzionali agli attori che contrastano le politiche occidentali: contribuiscono a delegittimare governi o centri intellettuali. Per capire fino in fondo queste proteste serve quindi andare oltre, non è necessario comprendere solo in cosa consistono, serve conoscere quello che non sono.


Prima di tutto, non protestano per le violenze generali contro le donne. Non è necessario richiamare gli stupri di Hamas, basta pensare a Nika Shakarami. Una giovanissima studentessa, arrestata, violentata e uccisa dalla polizia islamica in Iran. La sua morte ora è conosciuta in dettaglio, come di tante coraggiose iraniane. Si tratta di solo uno dei mille esempi possibili, se osserviamo la repressione di genere, la schiavitù sessuale, le discriminazioni di cui sono vittime nella regione islamica, in Iran, Afghanistan, Sudan, altri stati e la stessa Gaza. Se nessuno, ad oggi, ha chiesto di bloccare gli accordi contro stati per i diritti delle donne, in questo tipo di mobilitazioni non si protesta neppure contro le dittature. In Nicaragua Daniel Ortega ha arrestato, confiscato i beni, a volte ha fatto sparire più di un esercito di oppositori politici, con azioni che superano i limiti della perversione. Repressioni di massa si sono succedute in Cina, Bielorussia, Siria e svariati altri Paesi. Il regime castro-chavista in Venezuela ha provocato la fuga di oltre 7.700.000 persone, un disastro umanitario di proporzioni uniche nel XXI secolo.

Nonostante questo, nessuno degli occupatori chiede di evitare progetti dove ci sono dittature, neppure con Cuba, che pure ispira tutti i regimi del mondo latino. Del resto, per questi movimenti, le politiche imperiali/coloniali sono ancora meno rilevanti. La brutale aggressione russa all’Ucraina non ha provocato nessuna loro reazione, pur accompagnata dalla distruzione sistematica di intere città, dalla deportazione forzata di bambini e civili, dall’uccisione di avversari politici. Per non parlare della politica imperiale iraniana, sviluppata attraverso gruppi para-terroristi come Hezbollah, Houti, Jihad islamica, dell’azione putiniana in Siria o in Georgia, della repressione cinese a Hong Kong.

Non si ha notizia di richieste di azioni contro istituzioni di questi Paesi. Questo ci mostra lo specchio rovesciato di questo tipo di proteste (non di altre ovviamente). La lotta per Gaza non si muove sul terreno di valori universali, né affronta i problemi morali del feroce massacro preparato da Hamas il 7 ottobre scorso. Di converso, attacca proprio il governo Biden, che al mondo è quello più impegnato nel cercare di evitare la tragedia umanitaria; basti osservare come gestisce i negoziati in corso, il suo sforzo imponente per la costruzione del molo necessario agli aiuti umanitari, o come articola i pesanti interventi (ed importanti) critici verso Netanyahu.

Pertanto, restando su questo terreno, se questo tipo di occupazioni non affronta valori generali, a favore delle donne oppresse, o della libertà negata, o dei paesi aggrediti, da cosa è spinto? Quali sono i suoi principi fondativi? Per rispondere, è necessario fare una distinzione. Nei Paesi democratici, ci sono grandi movimenti, dentro e fuori le università, nei partiti e nella società, attenti e impegnati per i diritti civili, la liberazione delle donne, la difesa delle società oppresse. Senza dimenticare che, tra di chi oggi si mobilita nei campus in Europa e in America, non mancano certo persone convinte della necessità di evitare la morte di tanti civili, coinvolti dalla guerra a Gaza.

Questo però non elude il nucleo fondante dei movimenti radicali: la convinzione che i valori occidentali, insieme alla stessa storia delle democrazie liberali, sono l’origine di tutti i problemi contemporanei e un oggetto di antagonismo permanente (come oggi Israele). Non è una novità, perché almeno dagli anni Trenta del secolo scorso, tanti ambienti dell’establishment politico-intellettuale euro-americano hanno cercato miti alternativi alle proprie società: dai partigiani della pace di Stalin ai libretti rossi di Mao Tse Tung, dai barbudos di Fidel Castro fino agli stessi Ayatollah, che furono celebrati al momento della rivoluzione come liberatori dal capitalismo dello Scià filoamericano.

Il tempo presente ha trasformato tale processo storico. Questi movimenti si sono rinnovati, dopo la loro traumatica sconfitta ideologica del XX secolo. In questa stagione, affiancano alla critica verso le democrazie la pretesa di un’indiscutibile superiorità morale ed intellettuale. Uno schema che, a seconda del momento, si può declinare con la componente del pacifismo ideologico, di una presunta lotta anticoloniale, di una rivendicazione di libertà razziale. Sempre e solo a patto di conservare dei caratteri rigidamente antioccidentali e antiliberali, mai dei principi universali. Anzi, costruendo un’interpretazione selettiva del passato, dove collocano torti e ingiustizie tutte del mondo occidentale, mirate ad una giustificazione ideologica, con la vendetta culturale del tempo presente.

Il loro successo, per quanto relativo, è nella garanzia di visibilità mediatica, presenza sociale, più raramente nei ruoli politici. Allo stesso tempo, non va dimenticato, la loro azione è soprattutto la conferma del valore della società aperta. Il mondo libero, quello della battaglia per i diritti delle donne nel mondo islamico o per la libertà delle nazioni come l’Ucraina, per la protezione dei dissidenti in Bielorussia o dei rifugiati da Cuba, è lo stesso che offre a questi movimenti rispetto, attenzione e spazio di azione. Gli studenti che protestano a Parigi e altre città, che ieri il soddisfatto Seyyed Ali Khamenei ha rilanciato con un proprio video, forse non lo pensano o vedono. Eppure, nella terra dello stesso Ayatollah che oggi li esalta, sarebbero in carcere, anche solo per il loro abbigliamento. Per fortuna loro, e nostra, protestano sì ma nel mondo libero, che è tale anche e soprattutto per questo.

*(Il Mattino)

Visualizzazioni: 86

2 thoughts on “I Campus Usa e la trave nell’occhio

  1. intanto sono contenta di aver trovato qualcuno che si pone, rispetto alla questione, in modo stimolante. Io sto tentando una analisi, sto lavorando su questo partendo dalle differenze tra questi ‘movimenti’ e quelli degli anni ’60, è stato l’unico approccio possibile : cercare le differenze. Concordo sul” … patto di conservare dei caratteri rigidamente antioccidentali e antiliberali, mai dei principi universali. ” ma questo mi complica ancora di più il ragionamento perchè, anzi, mi mortifica ancora di più, perchè vorrebbe dire che certi ‘valori’ occidentali – pensiamo alla carta dei diritti universali o alle conquiste liberali e laiche – non sono che una pia illusione che ha generato solo un immenso senso di colpa cieco e sordo. Ringrazio Pinto, il Mattino e la Associazione Italia Israele di Firenze di cui mi onoro di fare parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio