NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

Dove ha già perso Israele

di Nello Del Gatto*

Se c’è una guerra che Israele ha sicuramente perso già dalla fine di ottobre, è quella mediatica. Il
paese ebraico infatti, anche per proprie scelte, non ha capitalizzato mediaticamente il vantaggio
che aveva dopo il massacro del sette ottobre.

Ha pesato molto la scelta di non mostrare le immagini degli scempi commessi da Hamas, dai suoi miliziani, ma anche dai civili di Gaza che, in più di un video di quei terribili momenti (che hanno cambiato la storia di Israele come quella di tutti coloro che vivono qui, pur non essendo né ebrei né israeliani) si sono visti gioire, festeggiare, incitare a compiere altri atti simili. Come pure di affidare al portavoce dell’esercito, le uniche informazioni provenienti dalla Striscia.
E’ stata la sublimazione dell’orrore. Eppure i vertici di Gerusalemme hanno deciso di tenerla
privata, riservata. Scelta comprensibile e condivisibile, soprattutto in considerazione del dolore dei
familiari di ostaggi e vittime del massacro.


L’errore di fondo sta nel fatto che mentre Israele ha agito con quella pietas propria di chi rispetta il
valore della vita, ha sottovalutato una cosa: dall’altro lato non aveva uomini, non c’erano persone
che agivano come uomini.
Eppure la storia avrebbe dovuto insegnare qualcosa.
Invece, chi stava dall’altro lato, ha cavalcato notizie false, ha messo su una potente armata di guerra
mediatica che ha spinto all’angolo Israele, sfruttando i tam tam spesso di Pallywood,
dell’antisemitismo, dell’atavico odio verso Israele, di una causa palestinese della quale non si
conosce la storia.


L’ignoranza, infatti, è un altro fattore che ha contribuito a far perdere la guerra a Israele. Da
decenni Gerusalemme combatte, anche se spesso con poco impegno coloro che
mostrano mappe palesemente fasulle sulla presenza di ebrei nel luogo, o che non conoscono le
origini neanche del nome Palestina, o dello stesso conflitto. SI va per pregiudizi: lo dice Israele, lo
dicono gli ebrei, dunque è un falso. Basta vedere le manifestazioni universitarie in Italia e all’estero. Nel
nostro Paese ho chiesto più volte in trasmissioni e a diretti interessati se, visto che la conferenza
dei rettori ha dieci accordi con le università palestinesi, dopo il sette ottobre si fosse scesi in piazza
per chiedere che questi accordi venissero cancellati, oppure lo si facesse con l’Iran, con la Cina,
eccetera. Vedere che questi manifestanti innalzano i vessilli di Hamas o di Hezbollah, che parlano di
diritti delle donne anche se nei luoghi che vorrebbero proteggere a scapito di Israele la donna è
considerata un nulla, dimostrano proprio questo.
La colpa di tutto ciò è anche di una certa politica, soprattutto di certa sinistra che ha abbracciato
senza se e senza ma la causa palestinese
, parlando di resistenza laddove è terrorismo, facendo
assurgere a oracoli anche chi dovrebbe ricoprire ruoli istituzionali basati sulla neutralità e che
invece fa fatica pure a dichiarare Hamas gruppo terrorista. Ogni riferimento alla “special rapporteur”
dell’Onu è voluto. Dopotutto, non sarà un caso se i filoputiniani siano anche troppo spesso
filopalestinesi, figli di una concezione antioccidentale nella quale il presidente russo è ancora il
capo dell’Urss, ultimo baluardo all’occidentalizzazione del mondo.
All’interno di questa visione anti israeliana ci sono poi i più raffinati. Come esistono quelli che
dichiarano che non hanno problemi con gli omosessuali tanto è vero che hanno l’amico gay, sono
sempre di più quelli che dicono di non essere antisemiti ma antisionisti, non leggendo neanche il
vocabolario, dove avrebbero scoperto che essendo il sionismo il movimento che ha auspicato lo
Stato di Israele, essere “anti” significa non volerlo (e pertanto essere antisemita).

Dal Giordano al mare. Come giornalista a Gerusalemme, anch’io sono in numerose chat whatsapp e telegram dove si diffondono e condividono informazioni. In quelle vicine a Israele, non ci sono mai immagini violente, neanche i video che i terroristi pubblicano di tanto in tanto, degli ostaggi a Gaza che,
sotto torture e pressioni inimmaginabili, raccontano e servono per fare pressioni su Israele. L’ignoranza porta a fare pressioni sfruttando anche le manifestazioni democratiche che si vedono
da sempre nel Paese: manifestazioni che dovrebbero essere l’apoteosi della democrazia, del vivere comune e che invece – dal momento che gli oppositori non sanno neanche cosa sia la democrazia –
diventano motivo di imbarazzo, e prestano il fianco a chi dirà: “Vedete: anche loro sono contro lo stesso governo”.

(Daniel Hagari)
Senza contare la questione linguistica. Per i media propal, partendo da Al Jazeera, a Gaza non ci
sono ostaggi ma prigionieri, i morti sono martiri, gli ostaggi sono tutti militari e gli
israeliani tutti settlers o occupanti. Così come children sono tutti i minori di 18 anni. Se a mia figlia
di 17 anni, che ha ottima padronanza dell’inglese, la presento come “my child”, credo come
minimo mi mandi a quel paese. Linguaggio adottato anche nel nostro Paese.
Le immagini con l’intelligenza artificiale, soprattutto di bambini, sono numerose. La sola AFP ha
messo su un sito di debunking contro le fake news, scoprendo che molte immagini o notizie sono
prese da Yemen, Siria e altri conflitti.
Ma nessun altro media internazionale lo ha fatto. Un timido
tentativo è stato avanzato dalla BBC che prima ha denunciato che un video nel quale si vedeva una
città in fiamme etichettata come Tel Aviv, a seguito dell’attacco iraniano, in realtà era un incendio
in una città cilena. E poi ha intervistato la presidente del tribunale dell’Aja che a gennaio ha
emesso il primo verdetto nella causa intentata dal Sudafrica contro Israele, la quale ha spiegato
che “contrariamente a quanto riportato da alcune fonti, la Corte non si è pronunciata sulla
plausibilità dell’accusa di genocidio, ma ha sottolineato nella sua ordinanza che esiste il rischio di
un danno irreparabile al diritto dei palestinesi di essere protetti dal genocidio”. Che è cosa ben
diversa dal continuare a chiamare Israele stato genocida, come si legge.


Nell’era dei social media, la verità è quella che viene condivisa, che appare verosimile anche se
falsa. L’errore di Israele è stato, come dicevo, lasciare la comunicazione tutta all’Esercito, volendo
tenere un profilo alto anche contro chi cammina rasente il pavimento.
Non è necessario scendere
al loro livello, ma bisogna adottare altri strumenti. Visto che sul campo della compartecipazione del dolore la partita è persa, nonostante si sia subita una delle più vili e crudeli aggressioni, era necessaria un’azione di lobbying, mediatica al di fuori di canali soliti. Non una “operazione simpatia”, ma una
“operazione verità”. Poi è chiaro, nei confronti del pregiudizio e dell’ignoranza, si può poco.

*Corrispondente de “La Stampa” da Gerusalemme – Articolo esclusivo per Italia Israele Today

Visualizzazioni: 152

One thought on “Dove ha già perso Israele

  1. Serve un grande impegno di molto e coordinato , magari usufruendo di investimenti ad hoc. Viceversa la perenne lotta perla corretta informazione ci vedrà spesso soccombere secondo una consolidata strategia gorbellsiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio