NEWS
Video Eventi della Federazione
ln 9 anni 113 attentati: il torrente di sangue degli islamici nel mondo
Hamas, peggio dei nazisti
La vigliaccheria di Hamas (e di troppi palestinesi)
“Le 10 Bugie su Israele” di Fiamma Nirenstein. Pubblicato da Federazione Associazioni Italia Israele. Scarica il libro.
Servizio militare agli ultraortodossi, la Knesset affossa la legge
Piazza pulita di tagliagole
VIDEO – la liberazione degli ostaggi
Israele, creata una nuova unità di difesa aerea (PHOTOGALLERY)
La lettera del soldato alla madre prima del blitz: “Mamma, prega per me”
Ostaggi, i retroscena dell’operazione
Gli infami
Ora Israele deve polverizzare Hamas da Gaza
Flash: Gantz lascia il governo
Perché mi considero un amico di Israele
ESCLUSIVA – Il blitz in tutti i particolari (seconda parte)
CHI SONO I 4 OSTAGGI LIBERATI – FLASH
OSTAGGI LIBERI – VIDEO
ESCLUSIVA – Ostaggi, ecco come Idf li ha liberati
Herzog chiama Noa: “Enorme felicità”
LIBERATI 4 OSTAGGI ISRAELIANI – FLASH
Un figlio di italkim fra le vittime dell’attacco di Hezbollah
Ascarelli, un eroe ebreo dimenticato
Antisemitismo 3.0
Milano, sul Duomo la bandiera palestinese (ovvero: cosa si fa per un pugno di voti)
Scienza, cultura e progresso: dov’è l’Islam?
Quanto ci manca Marco Pannella
Tregua, ecco il piano in tre mosse
Chi sono oggi i veri amici di Israele?
MANIFESTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO gli studenti di Milano dicono basta alle occupazioni
La verità sui morti di Rafah
Crosetto, parole come pietre
Il procuratore nazionale antimafia: “Antisemitismo, basta odio e propaganda”
Lezione di Jihad all’Università di Torino: la lettera aperta della professoressa Santus
Torino, l’Università trasformata in “madrassa”
Oltraggiosa la decisione della Corte Penale Internazionale che chiede l’incriminazione del Primo Ministro e del Ministro della Difesa di Israele.
Morte Raisi, che cosa succede adesso
Morto Raisi, a Teheran la popolazione in festa
Nakba, le lacrime a senso unico
Noi non ci stancheremo di difendere Israele
“Questa guerra non cambierà niente”
Il rapporto tra Israele e Islamosfera dopo il 7 ottobre
Canti propal intonati dai bambini a Torino: il ministro ordina l’ispezione
Una buona notizia
BUON 76° COMPLEANNO ISRAELE. Yom Ha’Atzmaut Sameach 🇮🇱
Orrore sul Lido di Venezia: “Ebrei, vi sgozzeremo”
Israele-Arabia Saudita, la vera posta in gioco
Amburgo, Baghdad
E stasera all’Eurofestival tutti con Eden Golan
Elezioni Università, gli odiatori d’Israele fanno flop
Palestina all’Onu: l’ineffabile doppiezza italiana
Ma con chi sta Orban?
Che brutta aria tira all’Università Statale di Milano
IN MEMORIA DI 6 MILIONI DI INNOCENTI
Nasreen, la drusa che salvò centinaia di israeliani il 7 ottobre
Udine, successo per l’iniziativa culturale dell’associazione Italia-Israele
I Campus Usa e la trave nell’occhio
Hamas nel bunker, Sinwar come Adolf
Antisemitismo, si sta sottovalutando il problema
Paccheri alla tunisina
Dove ha già perso Israele
Chi finanzia Hamas REPORTAGE di FRANCE24
Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24
La proposta israeliana per il cessate il fuoco
I curdi e Israele: alleanza di ferro contro l’Isis
In America i giovani pro-Hamas non sanno situare Israele sull’atlante
Questo dovrebbero vederlo tutti
Lazzarini, l’alfiere della diplomazia strabica
A Udine visita guidata nei luoghi dell’ebraismo
Ci mancava la drag queen pro Hamas
Perché l’egemonia culturale del mondo è dalla parte di Hamas e degli ayatollah
Hamas University
I nuovi fascisti
Similitudini
SPECIALE 25 APRILE/3
SPECIALE 25 APRILE/2Tema in classe sul “genocidio a Gaza”.
SPECIALE 25 APRILE/1
La verità, vi prego, su Israele
Golda, leonessa d’Israele
Pesach, il rito e la tavola: due ricette tradizionali
Herzog: “Per Pesach lasciate una sedia vuota per gli ostaggi”
L’Iran non è il Mulino Bianco
Il compleanno amaro di Raisi
Un italiano a Tel Aviv: le FOTO di Mario Troiani
In nome della libertà ci portano nelle caverne dei pasdaran
Il Video della presentazione del libro “10 Bugie su Israele”, Radio Radicale
Halevi, il filosofo che guida Israele in guerra
Mattarella: “Chiudere collaborazione con altri atenei è sbagliato”
Diteci, è questo il Paese dell’apartheid?
Iran, allarme Usa: “Imminente attacco a Israele”*
Per Hamas il problema siamo noi
Non li vedrete mai marciare per la giustizia
Se il mondo crede a Hamas (o della realtà capovolta)
Per Lo Sviluppo della Cooperazione Accademica
Università non siano luoghi di Odio e Violenza
Tu quoque, Nancy
Allarme attentati nel mondo, massima allerta
UniversiTaliban, atenei come madrasse?
Se l’antisemitismo diventa una moda
Scambio ad ogni costo? Il nodo ostaggi
Mai più
I bugiardi di Mosca
Le radici dell’odio
Israele sotto assedio: nulla di nuovo sotto il sole
David Meghnagi: “Il nuovo antisemitismo? La demonizzazione di Israele”
Altro che ospedale: nell’Al Shifa 513 terroristi – ucciso uno dei capi di Hamas
Intervista a Della Pergola: “In Italia le Università sono diventate un ring antisemita”
Sondaggio: 7 palestinesi su 10 sostengono ancora Hamas
Il presidio di protesta contro la decisione assunta dal Senato Accademico di Torino.
Intervista a Sergio Della Pergola: “Ore decisive per Israele. Il servizio militare agli ultraortodossi? Una buccia di banana per Netanyahu”
Solidarietà al prof Federico Delfino, Rettore UniGe oggetto di una vergognosa contestazione da parte di gruppi Pro Palestina
Dichiarazione dell’Ufficio del Primo Ministro di Israele sulla risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 25 marzo
La Federazione Associazioni Italia Israele aderisce al presidio sotto al Rettorato UniTo
Due pesi e due misure. Antisemiti, avanti tutta
Khan Younis, arsenale nascosto nelle borse dell’Unrwa (foto e video)
Borrell, studia!
Israele, svolta nei negoziati a Doha
Colpo alla nuca: così Hamas giustizia i palestinesi ( Le immagini che non vedrete mai sui giornali)
Venezia ricorda il 7 ottobre con le vittime del kibbutz
L’operazione all’ospedale di Shifa terminerà quando tutti i terroristi verranno catturati, “vivi o morti”(Video)
Hamas “most wanted”: il giuramento del Mossad
DICHIARAZIONE di Bruno Gazzo, Presidente della Federazione sulla decisione del Senato Accademico di UNITO di non partecipare al bando MAECI per progetti fra le istituzioni di ricerca italiane e israeliane.
Se gli ospedali diventano bunker (o della viltà di Hamas)
Video dell’incontro con GIOVAN BATTISTA BRUNORI, Responsabile della sede Rai Gerusalemme in diretta da Israele.
“CENTO PER CENTO INFERNO”
“FIGLI DELLA LIBERTA’” LIBERTÀ E RESPONSABILITÀ NELL’EBRAISMO
Il Ministro degli Esteri israeliano Israel Katz al Consiglio di Sicurezza ONU sui crimini contro l’umanità di Hamas (video)
Report ONU sulle violenze sessuali commesse nel corso dell’attacco terroristico di Hamas il 7 ottobre 2023
Così aumenta l’antisemitismo – scarica relazione CDEC
La nuova sfida per la Federazione
Una voce fuori dal coro
Grazie, kol akavod!
Scarica il primo rapporto sulle violenze sessuali perpetrate da Hamas il 7 ottobre.

Chi finanzia Hamas – Reportage di FRANCE 24

di Jean-Luc Mounier

Dopo l’attacco del 7 ottobre di Hamas contro Israele, i paesi e le organizzazioni che sostengono il movimento islamico palestinese sono sotto i riflettori. Algeria, Iran, Sudan e Tunisia hanno espresso apertamente sostegno ad Hamas negli ultimi mesi. Classificata come organizzazione terroristica da Stati Uniti, Unione Europea e Israele, Hamas ha stabilito forti legami con diverse potenze regionali sin dalla sua creazione nel 1987.
Che provenga da Doha, Teheran o Ankara, il sostegno ad Hamas arriva in varie forme: economica, militare e ideologica. In questo report, FRANCE 24 esamina i legami del movimento con diversi Stati esteri.
Alcuni analisti sostengono che Doha sia un finanziatore di Hamas.
“Il loro sostegno finanziario di 30 milioni di dollari al mese è dimostrato e pubblico”, ha affermato Didier Billion, vicedirettore dell’Istituto francese per gli affari internazionali e strategici (IRIS). “Questi pagamenti sono giustificati per pagare i dipendenti pubblici a Gaza, e sappiamo perfettamente che questi ultimi sono membri di Hamas. Il denaro di Doha equivale quindi al sostegno diretto a questa organizzazione che da molti anni tiene l’enclave palestinese con il pugno di ferro”.
Il Qatar. Il sostegno finanziario è iniziato cinque anni fa per evitare “una grave crisi umanitaria a Gaza”, come ha riportato il quotidiano francese Libération nel 2018. Il primo pagamento di 15 milioni di dollari è arrivato in tre grandi valigie portate a Gaza attraverso il valico di frontiera israeliano di Erez, in il nord dell’enclave. L’inviato del Qatar a Gaza, Mohammed al-Emadi, noto anche come intermediario non ufficiale tra la Striscia di Gaza, Doha e Israele, ha consegnato il denaro.

(Il leader di Hamas, Hanyeh, con lo sceicco del Qatar)

Questi trasferimenti di denaro sono avvenuti con l’approvazione degli israeliani e della comunità internazionale, ha riferito The Times of Israel l’8 ottobre. Secondo il sito di notizie, il primo ministro Benjamin Netanyahu “ha adottato un approccio che ha diviso il potere tra la Striscia di Gaza e la Cisgiordania – mettere in ginocchio il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas mentre compie azioni che sostengono il gruppo terroristico Hamas”. Inoltre, “la maggior parte delle volte, la politica israeliana è stata quella di trattare l’Autorità Palestinese come un peso e Hamas come una risorsa”.
I legami del Qatar con Hamas non sono solo finanziari ma anche politici. Il capo di Hamas Ismail Haniyeh risiede principalmente a Doha dal 2012 e l’ufficio politico del movimento islamico si trova nella capitale del Qatar. Il “gioco pericoloso” del piccolo emirato non finisce qui, ha affermato Myriam Benraad, esperta di Medio Oriente e professoressa di relazioni internazionali alla Schiller International University. “Oltre ad ospitare alcuni leader di spicco del ramo politico di Hamas, Doha si è immediatamente posizionata nei giorni scorsi come negoziatore sulla questione degli ostaggi israeliani. Ciò rafforza indirettamente il ruolo della piccola monarchia del Golfo”.

Dopo la pubblicazione di questo articolo, il responsabile dei rapporti con la stampa del Qatar in Francia ha chiesto di fornire laseguente precisazione: “Il Qatar non è un sostenitore finanziario di Hamas. Fornisce aiuti a Gaza e la destinazione del denaro è chiarissima”. “Gli aiuti del Qatar alla Striscia di Gaza sono pienamente coordinati con Israele, le Nazioni Unite e gli Stati Uniti, e forniti in coordinamento con Israele e le Nazioni Unite, fornendo 100 dollari alle famiglie palestinesi più povere per pagare cibo e medicine di base estende l’elettricità per un periodo di un giorno a Gaza. Il suo scopo è quello di aiutare a mantenere la stabilità e la qualità della vita delle famiglie palestinesi a Gaza.”

L’Iran. Anche l’Iran, una delle potenze regionali del Medio Oriente, mantiene stretti legami con Hamas. Secondo Billion ci sono “due livelli” nel rapporto tra Teheran e il movimento islamico. “A livello pubblico, l’Iran sostiene la causa nazionale palestinese, con un marcato sostegno ad Hamas”. In effetti, l’Iran forma – insieme ad Hamas, al movimento palestinese della Jihad islamica e al gruppo libanese Hezbollah – il cosiddetto “Asse della resistenza” contro Israele. Questa è una delle componenti fondamentali della politica estera iraniana in Medio Oriente.

“Il secondo livello non è pubblico: si tratta di aiuti finanziari o logistici da parte delle Guardie Rivoluzionarie”, ha detto Billion. Haniyeh ha rivelato in un’intervista all’inizio del 2022 con Al Jazeera che l’Iran ha pagato un totale di 70 milioni di dollari al gruppo palestinese. Secondo un rapporto del Dipartimento di Stato americano pubblicato nel 2020, Teheran finanzia più in generale tutti i gruppi armati palestinesi per un importo di 100 milioni di dollari all’anno.

“Il sostegno militare viene fornito attraverso il trasferimento di tecnologia iraniana”, ha affermato Wassim Nasr, giornalista di FRANCE 24 specializzato in movimenti jihadisti. “Si tratta di fornire competenze nella produzione di droni e nella modifica di droni civili in droni militari. Ma può anche significare consegnare munizioni e armi che passano attraverso la penisola del Sinai in Egitto”.
La natura dei legami tra Hamas e l’Iran ha portato alcune fonti di informazione internazionali a sottolineare la responsabilità di Teheran per l’attacco del 7 ottobre. Il Wall Street Journal in un articolo dell’8 ottobre ha affermato che “l’Iran ha contribuito a pianificare un attacco contro Israele per diverse settimane”. Il regime iraniano, dal canto suo, ha negato ogni coinvolgimento nell’attacco e ha parlato di “false voci”.

(Fine prima parte – La seconda puntata verrà pubblicata domani)

Visualizzazioni: 130

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna all'inizio